ISPRA Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale

.

.

.

space

26.400.778 VISITE DAL 1/5/2010  2 UTENTI CONNESSI

space

.

.

.

Informazioni generali

Reti di misura

Mareografica

Onde anomale

Livellazione

Stazioni

Ancona

Anzio

Bari

Cagliari

Carloforte

Catania

Civitavecchia

Crotone

Gaeta

Genova

Ginostra

Imperia

La Spezia

Lampedusa

Livorno

Marina di Campo

Messina

Napoli

Ortona

Otranto

Palermo

Palinuro

Ponza

Porto Empedocle

Porto Torres

Ravenna

Reggio Calabria

Salerno

San Benedetto del Tronto

Sciacca

Strombolicchio

Taranto

Tremiti

Trieste

Valona

Venezia

Vieste

Confronto tra stazioni

Sensori

Asta idrometrica

Idrometro a galleggiante

Mareografo ad ultrasuoni

Sensore barometrico

Sonda multiparametrica

Direzione vento

Livello piezometrico

Livello radar

Temperatura acqua

Temperatura aria e rh%

VelocitÓ vento

Archivio dati/elaborazioni

space

space

ultima rilevazione
20:00 13.12.2019 GMT

 

SiAM - Sistema di Allertamento nazionale per i Maremoti generati da sisma
Direttiva della Presidenza del Consiglio del 17/02/2017

Nel 2017 Ŕ stato istituito, con una Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, il SiAM - Sistema di Allertamento nazionale per i Maremoti generati da sisma, di cui fanno parte tre istituzioni: l'Ingv - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che opera attraverso il Cat - Centro Allerta Tsunami, l'Ispra - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e il Dipartimento della Protezione Civile. Il 15 novembre 2018 sono uscite in Gazzetta Ufficiale le Indicazioni che il Capo Dipartimento della protezione civile rivolge a Componenti e Strutture Operative per l'aggiornamento delle rispettive pianificazioni di protezione civile per il rischio maremoto.


 
Rischio maremoto

Tutte le coste del Mediterraneo sono a rischio maremoto a causa dell'elevata sismicitÓ e della presenza di numerosi vulcani attivi, emersi e sommersi. Negli ultimi mille anni, lungo le coste italiane, sono state documentate varie decine di maremoti, solo alcuni dei quali distruttivi. Le aree costiere pi¨ colpite sono state quelle della Sicilia orientale, della Calabria, della Puglia e dell'arcipelago delle Eolie. Maremoti di modesta entitÓ si sono registrati anche lungo le coste liguri, tirreniche e adriatiche. Le coste italiane possono inoltre essere raggiunte da maremoti generati in aree del Mediterraneo lontane dal nostro Paese (ad esempio a causa di un forte terremoto nelle acque della Grecia). Dal 2005 l'Italia partecipa al sistema di allertamento internazionale per il rischio maremoto nel Nord Est Atlantico, Mediterraneo e Mari collegati NEAMTWS, sotto il coordinamento dell' IOC - Intergovernmental Oceanographic Commission dell'Unesco. Si tratta di un sistema analogo a quello giÓ operante nell'area del Pacifico, dei Caraibi e dell'Oceano Indiano, dove sono giÓ attivi sistemi di allertamento rapido (Early Warning), con la differenza che in un mare poco ampio, come il Mar Mediterraneo, i tempi di arrivo delle onde sono molto brevi e questo riduce i tempi utili per allertare la popolazione.

ISPRA ha creato una pagina di visualizzazione in tempo reale dei livelli dei mareografi presenti nel bacino del Mediterraneo su http://tsunami.isprambiente.it

 
 

space

.